Lassù i rumori del mondo non arrivano. Cronaca dell’arresto e della morte di Émile Chanoux: maggio 1944

Il volume di di Martino, diplomato in Criminologia presso l’Università di Genova, si propone di esaminare le vicende legate all’arresto e alla conseguente morte di Chanoux con gli strumenti di tale scienza piuttosto che con quelli della storia. Il suo libro privilegia, quindi, gli aspetti forensi della vicenda invece che la sua contestualizzazione nel periodo bellico. 
Dopo una presentazione del personaggio, nella quale critica l’ipotesi secondo cui Chanoux sarebbe stato deluso dall’incontro di Chivasso, l’autore passa al resoconto dell’ultima giornata del notaio, giudicata cruciale per la storia contemporanea della Valle d’Aosta. Seguono, poi, un capitolo dedicato all’autopsia svolta il 30 maggio 1944 e un altro contenente il riassunto delle carte dei processi Gandelli e Mancinelli, giudicate non contenere «alcun elemento utile» per fare chiarezza sulla morte di Chanoux. Nella ricostruzione dell’autore, sono Granato e Mancinelli i promotori della cattura di Chanoux, la cui dinamica l’autore afferma di non poter restituire con esattezza. Allo stesso modo egli ritiene impossibile provare un eventuale tradimento del Comitato di Liberazione nazionale e l’effettivo ruolo svolto da Gandelli che viene ritenuto uno specchietto per le allodole funzionale a nascondere altri interessi, anche di carattere economico. L’autore, nell’impossibilità di chiarire definitivamente le vicende di questo momento cruciale della storia valdostana, cerca di far emergere l’uomo Chanoux all’interno del dramma resistenziale. 

 

Informazioni aggiuntive

  • Autore: Paolo di Martino
  • Altri autori: N.D.
  • Pubblicazione:

    Aosta, Le Château, 2000 (“ Biographica. Collection d’histoires et vies de valdôtains”, 5).

  • Numero di pagine: 108
  • Disponibilità / reperibilità del testo: Biblioteca della Fondation Chanoux, Sistema bibliotecario regionale
  • ISBN: 88-87214-21-2